+39 328 828 5616 / +39 340 600 9766 info@mareterra.org

trekking

I nostri percorsi trekking si articolano all’interno di diverse Riserve Naturali Orientate presenti nel territorio Palermitano, in quella che è conosciuta dai geologi come la piattaforma Panormide, che rappresenta la cintura di monti che circonda Palermo delimitanti la Conca d’Oro. In queste zone si possono ancora ritrovare innumerevoli specie di flora e fauna endemiche e rare, protette anche a livello comunitario. Al confine di aree intensamente urbanizzate e sfruttate dall’uomo da molti secoli si propongono ancora scorci di natura incontaminata dove è possibile apprezzare non solo la natura, ma anche panorami di grande bellezza e molteplici monumenti legati alla storia e alle tradizioni del nostro territorio.

È possibile scegliere tra diversi percorsi adatti a tutte le età in funzione della lunghezza, durata e grado di difficoltà. Tutto ciò che è necessario per percorrerli è soltanto un paio di scarpe, uno zaino, un pò di allenamento e tanta voglia di conoscere e stare insieme immersi nella natura

riserva naturale orientata
capo gallo

sentierI di barcarello

Sono distribuiti lungo il versante nord occidentale del Monte Gallo, hanno una difficoltà bassa e questo permette anche l’uso della mountain bike. Lungo i percorsi possono essere osservate varie specie tipicamente mediterranee e molte di esse risultano essere endemiche. Fra esse ricordiamo il fiordaliso delle scogliere, la palma nana, il falco pellegrino o il rospo smeraldino.

sentiero del faro

E’ un facile sentiero che si snoda lungo la costa orientale del Monte Gallo partendo dal paese di Mondello, percorribile anche in mountain bike. Lungo il percorso si può godere dello splendido panorama offerto dal mare che ricade all’interno dell’Area Marina Protetta di Capo Gallo-Isola delle Femmine, con la presenza delle tipiche formazioni del marciapiede a vermeti, e della bassa macchia mediterranea tipica delle aree costiere.

sentiero del semaforo

E’ un sentiero che dalla Via Tolomea si inerpica con un percorso iniziale di media difficoltà su per il versante meridionale del Monte Gallo fino a raggiungere in cima, dove il percorso diventa più semplice, la vecchia torre semaforica che in tempi recenti è stata trasformata in santuario alla pace da Nino l’eremita. I panorami dalla cima sono mozzafiato ma anche lungo il percorso le sorprese non mancano.

riserva naturale orientata
monte pellegrino

sentiero
valle del porco

E’ un sentiero ripido, a volte con gradoni, di media difficoltà che si inerpica nella valle retrostante le Scuderie Reali e che un tempo rappresentava una delle poche vie di risalita alla cima di Monte Pellegrino. Oggi è una delle zone della riserva che meglio si è conservata grazie appunto alla sua difficoltà di raggiungimento. Lungo il percorso si possono osservare notevoli esemplari di palma nana oltrechè il tipico habitat rupicolo.

sentiero
della rufuliata

E’ un sentiero di difficoltà da facile a medio che si trova un pò più a nord delle Scuderie Reali. Attraversa una zona di sottobosco che giunge in una zona in cui si trova una vecchia massicciata franata che si inerpica tortuosamente fino alla cima del monte nella zona di bosco riforestata dal corpo forestale dello stato. Qui si trovano alberi di eucalipti e pini e va a ricongiungersi ai sentieri presenti sulla cima nei pressi del Gorgo Rosso.

sentiero
scala nuova

E’ il sentiero in lastricato utilizzato dai fedeli durante la festività di S. Rosalia per fare “l’acchianata” al santuario. Questa è una tradizione che si ripete da secoli ogni anno la notte tra il 3 e il 4 settembre per commemorare la salita al cielo della santa. Lungo il percorso si alternano numerose cappelle votive dedicate alla santa, inserite in una tipica vegetazione di macchia mediterranea con lo sfondo di Palermo.

sentiero
pedemonte

E’ un facile sentiero che parte dal parco vicino lo Stadio delle Palme per immettersi in un circuito in cui è presente la tipica macchia mediterranea impiantata da Ferdinando IV di Borbone e che ormai si è naturalizzata. Il sentiero seguendo le pendici del monte porterà alla Grotta Niscemi, visitabile su richiesta all’Ente gestore, che racchiude incisioni parietali risalenti al paleolitico e al medioevo, oltreché iscrizioni puniche.

sentiero
parco della favorita

E’ un sentiero che rende merito alla storia legata a questa riserva, non tralasciando la componente ambietale e naturalistica. Il sentiero è articolato in un circuito che parte da Villa Niscemi con il suo giardino e che tocca i vari siti storici della zona come la Villa delle Campanelle, più nota come Casina Cinese o le Scuderie Reali, per giungere al Bosco Niscemi, esempio di reimpianto a macchia e Zona A della R.N.O.

sentiero medievale
piano bernardo

E’ il sentiero risalente al XVII secolo che veniva utilizzato storicamente dai fedeli per il pellegrinaggio al santuario. Si trova sul Piano Bernardo, in una delle zone più naturali della riserva posta nei pressi del Castello Utveggio. Qui troverete i resti della originaria lecceta che copriva il monte in mezzo a nuovi interventi di reimpianto di specie della macchia mediterranea. Il percorso è semplice e la vista su Palermo è da ricordare.

lago piana degli albanesi

sentiero
santa cristina gela (PA)